Aido Br 40° Anniversario – Domenica 5 maggio in Piazza Di Summa la Cerimonia di Intitolazione del “Giardino dei Donatori di Organi e Tessuti”. Madrina Luisa Corna

Onorare i donatori e promuovere il valore della solidarietà come atto di responsabilità sociale e come stile di relazione delle comunità

Tenendo fede a questa premessa e al principio cardine della ONLUS AIDO – Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule che senza donazione non esiste trapianto, domenica 5 maggio, a partire dalle ore 10 presso l’area pubblica antistante Piazza A. Di Summa a Brindisi si terrà la Cerimonia di intitolazione del “Giardino dei donatori di organi e tessuti” con la partecipazione di rappresentanti istituzionali, forze dell’ordine, vertici della delegazione comunale, volontari e cittadini.

All’evento, che sarà condotto dal giornalista brindisino Nico Lorusso e che vedrà come madrina Luisa Corna, interverranno per portare il proprio saluto:

– Dorina Piliego – Presidente Gruppo Comunale di Brindisi

– Riccardo Rossi – Sindaco di Brindisi

– Mauro Masiello – Assessore agli Affari Generali del Comune di Brindisi

– Luciano Loiacono – Consigliere Comunale (presentatore mozione per intitolazione del giardino)

– Vito Scarola – Vice Presidente AIDO Nazionale

La cerimonia rientra nelle iniziative previste in occasione della celebrazione del 40° anniversario della costituzione dell’AIDO Comunale del Capoluogo Adriatico, che risale al 1979. Lo staff organizzativo non ha scelto invece a caso la data per l’intitolazione del giardino, il 5 maggio 2019 ricorre infatti l’8° anniversario della scomparsa dell’allora 25enne brindisino Marco Bungaro, donatore di cuore, fegato e reni, che consentirono una nuova vita a 4 persone. Alla sua memoria dal 2012 è infatti intitolato il Gruppo Comunale “Marco Bungaro” di Brindisi.

Nel corso della manifestazione, prima dello scoprimento della targa di intitolazione del giardino, alcuni operai della Brindisi Multiservizi provvederanno alla piantumazione di un alberello di Grevillea robusta, (pianta che nelle migliori condizioni può superare i 20 metri d’altezza), gesto che nella particolare circostanza rappresenterà simbolicamente il trapianto che permette alla vita di riprendere e rifiorire in un sistema diverso da quello originale.

Un suggestivo spazio sarà dedicato alla testimonianza di familiari di donatori e di trapiantati.

A fare da corollario la presenza dei volontari della Società Cooperativa Naukleros di Brindisi, che dedicheranno un momento ai più piccoli con uno spettacolo di bolle di sapone.

All’interno del giardino, inoltre, sarà allestita una mostra di disegni realizzati dagli alunni delle classi 3^A e 3^B della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Bozzano di Brindisi, due delle classi che hanno partecipato al progetto “Salvo e Gaia. Un regalo che vale una vita”, campagna su Donazione e Trapianto di organi, tessuti e cellule per le scuole elementari promossa da Ministero della Salute in collaborazione con Aido e Centro Nazionale Trapianti.

La decisione di intitolare il giardino presente in Piazza Di Summa compreso fra via Adamello, via San Leucio e via Asiago, ai donatori di organi e tessuti è scaturita deliberata all’unanimità dal Consiglio Comunale di Brindisi del 28 dicembre 2018 in riferimento ad una mozione presentata dal consigliere di opposizione Luciano Loiacono di Idea per Brindisi che aveva preso a cuore la richiesta del Gruppo Comunale Aido “Marco Bungaro” di Brindisi. La Giunta Comunale infine ha reso effettiva la delibera su proposta dell’Assessore agli Affari Generali Mauro Masiello. Nella mozione presentata si legge: “La donazione è un atto assolutamente altruistico, anonimo e gratuito. Senza donazione non esiste trapianto.”