Scuola: accolto ricorso associazione consumatori. In Puglia si torna in presenza

Tempo di lettura: < 1 minuti

Dopo sole 48 ore dall’entrata in vigore dell’ordinanza emessa dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, Il Tar di Bari, con un decreto monocratico urgente ha sospeso il provvedimento dopo il ricorso presentato da un’associazione di consumatori, il Codacons.

Non c’è pace per decine di migliaia di famiglie pugliesi e studenti alle prese un giorno con l’organizzazione della DDI, l’altro con la sospensione della stessa ed il relativo rientro in classe.

A pesare sulla sentenza è stata la classificazione della Puglia in zona gialla. Per i giudici non è necessario che la Regione adotti regole più restrittive di quelle decise dal Governo.

Proprio oggi, nel corso di una intervista, l’assessore alla Salute, Pierluigi Lopalco aveva lanciato l’allarme sull’aggressività della variante inglese che può colpire i più giovani.

Stando così le cose, dunque, vengono “riaperte” le scuole e si torna in aula secondo le regole del Dpcm vigente che prevede la didattica in presenza al 100% per medie ed elementari, e una percentuale pari al 50% per le superiori.