Coronavirus Fase2: Carovigno martedì 5 riapre il mercato in via sperimentale

Tempo di lettura: 2 minuti

Anche nella città della ‘Nzegna si inizia a programmare la Fase2 ed il “ritorno alla normalità” con aperture graduali delle attività.

Martedì 5 e Martedì 12 maggio l’Amministrazione Lanzilotti ha autorizzato a partire dalle ore 6:00 alle ore 13:00 lo svolgimento del mercato in via sperimentale che, come accaduto a Francavilla Fontana, sarà limitato ai soli generi alimentari.

Emanate le seguenti disposizioni e prescrizioni:
-l’area di svolgimento del mercato sarà tra via Peppino Impastato, con accesso e uscita da lato via Aldo Moro;
-le operazioni di entrata e di uscita dai varchi saranno opportunamente presidiati;
-gli esercenti e gli avventori potranno accedere all’area mercatale esclusivamente muniti di guanti e mascherina e previa misurazione della temperatura corporea da parte degli operatori della Croce Rossa;
-agli avventori che presenteranno febbre superiore a 37,5°C sarà inibito l’accesso all’area mercatale e raccomandato di rientrare presso il proprio domicilio, limitando al massimo i contatti sociali e contattando immediatamente il proprio medico curante;
-i posteggi di vendita individuati sono pari a n. 35 postazioni, ammettendo alla frequenza nelle suddette date prioritariamente i commercianti di generi alimentari e produttori agricoli titolari di posteggio nel mercato del martedì e assegnando i posteggi, che per singola giornata risulteranno liberi, secondo i criteri della spunta previsti dalla vigente normativa regionale, includendo altresì gli elenchi degli spuntisti del mercato rionale del venerdì;
-l’assegnazione dei posteggi avverrà a mezzo sorteggio;
-gli assegnatari dei posteggi dovranno garantire le misure preventive e di sicurezza previste dalla vigente normativa in materia sanitaria e di distanziamento sociale, sanificando gli oggetti, l’area di occupazione e l’area di pertinenza, garantendo la distanza interpersonale di almeno 1 metro nelle aree oggetto di occupazione e nelle aree limitrofe di pertinenza, predisponendo idonei accorgimenti finalizzati a tenere distanziati i clienti dal banco di almeno un metro, prestando particolare cura per evitare la manipolazione dei prodotti da parte degli utenti e mettendo a disposizione della clientela soluzioni idonee per la pulizia delle mani.