Brindisi: Enel,Centrale di Cerano. Chiusura indagini

557 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 2 marzo Print


 I pubblici ministeri Giuseppe De Nozza e Myriam Iacovello, sostituti procuratori della Repubblica presso il tribunale di Brindisi hanno notificato la conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 15 persone. Le accuse non riguarderebbero eventuali danni alla salute. I reati ipotizzati riguardano il getto pericoloso dicose, danneggiamento aggravato e deturpamento di edifici. In particolare, laccusa riguarderebbe la presunta mancata adozione allinterno della centrale Enel di Cerano di misureidonee alla diffusione delle polveri di carbone sulle colture e sugli edifici circostanti. In merito alla decisione della Procura di Brindisi, Enel – si legge in una nota dell’ azienda –nella piena convinzione di aver sempre operato nel rispetto delle leggi e nell’ interesse della collettivita’, attende confiducia i successivi sviluppi”

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas