Ceglie Messapica: pdl e dc ancora sul cartellone estivo:”chacet spropositati “

399 letture dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 13 agosto Print

Non era bastato lo spettacolo invernale di Pio e Amedeo svolto a pagamento e senza che il Comune avesse mai autorizzato l’uso del Teatro e senza che nessuno abbia mai saputo ufficialmente chi fosse il beneficiario dell’incasso, che ecco che la nostra amministrazione ce li ha riproposti “a spese nostre” anche all’interno del cartellone estivo. Fin qui poco di strano visto che Pio e Amedeo sono simpatici, ma andando a leggere la determina n. 510 del 5 agosto, si evince che l’amministrazione provvede a pagare addirittura in anticipo (siamo gli unici in Italia) il citato duo con la somma di 5.142,50 € cadauno per un importo totale di 10.285 €, per uno spettacolo che complessivamente viene a costare € 13.000 ai quali vanno aggiunti costi del palco, del service, e della SIAE.

A occhio nudo tale cachet ci è sembrato spropositato!! Comprendiamo che l’aver ascoltato in diretta in piazza l’ultimo tormentone del duo youporn “non ha prezzo”, ma incuriositi siamo andati a vedere che lo stesso duo il giorno primo in uno spettacolo identico, nel comune di Biccari in provincia di Foggia, ha percepito un cachet complessivo per entrambi di € 3.500 dai quali bisogna detrarre le provvigioni di un agenzia di spettacolo che ha provveduto all’evento e alla stipula del contratto.

Cosa ancora più strana, abbiamo visto che malgrado le fatture pagate, il comune non ha mai ricevuto una proposta per l’evento e anzi la Responsabile dell’area, la dott.ssa Patrizia Gallone ha sostenuto che i contatti fossero stati telefonici, come se ciò nella pubblica amministrazione fosse una cosa normale.

Abbiamo sostenuto fin dall’inizio che questo cartellone estivo (oltre alla piazza) puzzasse, e vedere oggi che gli stessi artisti il 5 agosto a Biccari costano € 3.000 e il 6 agosto a Ceglie Messapica costano € 10.285 mette i cittadini cegliesi di fronte ad un chiaro dilemma! O siamo di fronte ad amministratori incapaci che stanno sperperando il denaro pubblico senza avere cognizione di quello che fanno, oppure c’è dell’altro su cui qualcuno prima o poi si dovrà fare chiarezza.

In entrambe le ipotesi è evidente che siamo di fronte a dilettanti allo sbaraglio e che chi ne sta pagando le conseguenze sono soli i cittadini cegliesi sui quali, passato il ferragosto, si abbatterà la mannaia di nuove tasse.

Ovviamente tale argomento sarà portato all’attenzione del prossimo consiglio comunale perché o ci verranno date spiegazioni plausibili di questo spreco oppure i responsabile dovranno dimettersi, visto che a nessuno è permesso di gettare oltre 7.000 euro dalla finestra o nelle tasche di qualcuno.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 - Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo - contatti: redazione@telebrindisi.tv - tel. +39 3290615650 - +39 3925630311 - Edita da Multimedia Communication sas