FRANCAVILLA FONTANA: ASPORTAVA RUBINETTI E TUBI DAI BAGNI DELL’OSPEDALE – UN DENUNCIATO

880 letture dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 14 giugno Print

FRANCAVILLA FONTANA: ASPORTAVA RUBINETTI E TUBI DAI BAGNI DELL’OSPEDALE – UN DENUNCIATO

I CARABINIERI DELLA STAZIONE DI FRANCAVILLA FONTANA HANNO DENUNCIATO IN STATO DI LIBERTÀ UN 46ENNE DEL LUOGO POICHÉ RITENUTO ESSERE IL RESPONSABILE DI NUMEROSI FURTI AGGRAVATI E CONTINUATI AVVENUTI ALL’INTERNO DELL’OSPEDALE. L’ACCUSA È DI FURTO AGGRAVATO CONTINUATO E DANNEGGIAMENTO.
L’ATTIVITÀ INVESTIGATIVA HA AVUTO INIZIO A SEGUITO DELLA DENUNCIA PRESENTATA DAL PERSONALE DELL’OSPEDALE “CAMBERLINGO” AI CARABINIERI DELLA LOCALE STAZIONE. NELLA DENUNCIA È STATO EVIDENZIATO CHE DA TEMPO AVVENGONO MISTERIOSI FURTI DI RUBINETTI, SIFONI, IN ALCUNI CASI DI PARTI DI CLIMATIZZATORI, ALL’INTERNO DEI BAGNI DELL’OSPEDALE.
IN PARTICOLARE È STATO NOTATO CHE IL PRIMO PIANO DEL NOSOCOMIO ERA IL PIÙ COLPITO, INFATTI LI SI SONO RIPETUTI AMMANCHI DELLA RUBINETTERIA, CON SIGNIFICATIVI DISAGI PER I RICOVERATI.
PROPRIO DI RECENTE, IN CONCOMITANZA CON DEI LAVORI DI RISISTEMAZIONE DEI BAGNI, NEL SOLO REPARTO DI CARDIOLOGIA SONO AVVENUTI 4 FURTI, L’ULTIMO IL 07 GIUGNO 2013.
GLI INVESTIGATORI, GRAZIE ALL’IMPEGNO ANCHE DELL’ASL, CHE HA ISTALLATO UN IMPIANTO DI VIDEO SORVEGLIANZA, HANNO AVVIATO LE INDAGINI PER SCOPRIRE L’IDENTITÀ DELL’AUTORE.
DOPO CIRCA UNA SETTIMANA DELLA MESSA IN FUNZIONE DEL SISTEMA VIDEO, L’IGNOTO AUTORE DEL REATO È “RIAPPARSO” IMPROVVISAMENTE E, NELL’ARCO TEMPORALE FRA LE 20 E LE 21, HA DANNEGGIATO E SOTTRATTO 4 RUBINETTI DAI REPARTI DI RADIOLOGIA E GUARDIA MEDICA, PER UN VALORE DI CIRCA 400,00 EURO.
IL VOLTO DELL’IGNOTO AUTORE, FINALMENTE RICOSTRUITO GRAZIE ALLE IMMAGINI, È STATO SUBITO PASSATO AL VAGLIO DAGLI INVESTIGATORI CHE SONO RISUSCITI A DARGLI RAPIDAMENTE UN NOME.
SI TRATTA DI M.C., CLASSE 1967, FRANCAVILLESE CON PRECEDENTI SPECIFICI. L’UOMO È STATO INDIVIDUATO POICHÉ, ANALIZZANDO L’ELENCO DEI PAZIENTI RICOVERATI PRESSO L’OSPEDALE, SI È SCOPERTO CHE LO STESSO HA SPESSO ACCESSO ALLA STRUTTURA OSPEDALIERA A CAUSA DEL RICOVERO DI UN CONGIUNTO AFFETTO DA UNA PATOLOGIA CRONICA. SI È POTUTO SCOPRIRE CHE, IN OGNI OCCASIONE IN CUI SI SONO VERIFICATI FURTI, È COINCISO IL RICOVERO DEL CONGIUNTO. IL MODUS OPERANDI È SEMPRE LO STESSO, SOPRATTUTTO DI NOTTE L’UOMO SI INTRUFOLAVA NEI BAGNI, ARMEGGIAVA CON I SANITARI E ASPORTAVA, POCO PER VOLTA, PARTI DELLA RUBINETTERIA E DEGLI SCARICHI.
IL DANNO COMPLESSIVO SUBITO NEL TEMPO, DALLA AZIENDA OSPEDALIERA, AMMONTA A CIRCA 35.000,00 EURO.
LE INDAGINI SONO ANCORA IN CORSO E SI CERCA DI CHIARIRE COME E A CHI SONO STATE VENDUTI GLI OGGETTI ASPORTATI. IL MALFATTORE, MESSO ALLE STRETTE DAI CARABINIERI HA CONFESSATO NUMEROSI FURTI A PARTIRE DALL’ANNO 2010.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 - Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo - contatti: redazione@telebrindisi.tv - tel. +39 3290615650 - +39 3925630311 - Edita da Multimedia Communication sas