Brindisi: al Nuovo Teatro Verdi, Mario Perrotta in “Italiani Cincali”

366 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 2 aprile Print

Brindisi: al Nuovo Teatro Verdi, Mario Perrotta in “Italiani Cincali”

Tratteggiare uno scorcio di realtà di un periodo – il dopoguerra – e di un ambiente – il Belgio e le sue miniere – che vede protagonisti italiani del tutto particolari – emigrati dal proprio paese alla ricerca di un lavoro – non è stata impresa semplice. Mario Perrotta proporrà a Brindisi venerdì 5 aprile, alle ore 20.30, uno spettacolo che su questi temi ha costruito il proprio successo di pubblico e di critica, premiato dalla Camera dei Deputati per “l’alto valore civile del testo e per la straordinaria interpretazione”: Italiani Cìncali!
Lo spettacolo fa parte di un dittico elaborato dal Teatro dell’Argine sull’emigrazione italiana verso il nord-Europa nel secondo dopoguerra. Emigranti considerati di “scarto” rispetto a quelli che se ne partirono per l’America o per il nord Italia perché «lì si andava per restare, mentre chi veniva “arruolato” in Svizzera, in Germania o in Belgio si trovava nella condizione di eterno stagionale». Il monologo, interpretato e diretto da Mario Perrotta, anche autore del testo con Nicola Bonazzi, è dedicato in particolare alla situazione dei minatori italiani in Belgio.
La prospettiva è sicuramente originale: il lavoro malpagato che impegnava tanti uomini nelle malsane miniere di carbone del Belgio produceva cittadelle al femminile, nelle quali donne e figli risiedevano tenendo contatti coi mariti. Di qui il filo dipanato dall’unico uomo superstite della comunità, il postino, che è allo stesso tempo messaggero, scriba, depositario della memoria, narratore e testimone di un mare di umiliazioni, sofferenze, sacrifici. Il postino del paese non si limita a consegnare le lettere, le legge, scrive, è l’anima del carteggio tra gli uomini partiti e le madri e le mogli rimaste a casa. Lui conosce le storie, anche quelle che gli autori chiedono di non leggere, quando può le addolcisce con pietas per risparmiare sofferenza. Così alcune mamme credono che i figli siano diventati “dottori”, alcune mogli aspettano mariti che non torneranno più. Un reporter ideale che consegna le meglio verità, che mente per amore. Che racconta come può, come deve, ricostruendo uno spaccato violento e amaramente ironico di un’Italia uscita dalla guerra e pronta ad affrontare il boom economico.
È proprio il postino la voce di Italiani Cìncali!, che assume il corpo di Mario Perrotta, il quale dipinge un affresco di uno dei capitoli più amari – e meno raccontati – della storia d’Italia: un teatro di impegno civile, realismo e crudezza, ma anche di poesia e finezza. A partire dal nome: «Cìncali, ovvero zingari, credevano di essere chiamati gli immigrati, invece era una storpiatura di Cinq, “cinque”, nel linguaggio degli emigranti padani che giocavano a morra», spiega Perrotta.
Lo spettacolo è frutto di documentazione degli autori, di viaggi e rievocazioni da parte degli immigrati del Sud: l’ossatura del progetto è costituita infatti da centocinquanta ore di registrazioni audio e video raccolte in Italia e all’estero, ma anche da lettere e diari che gli intervistati hanno fornito. Mario Perrotta offre dati, numeri, fatti, senza mai perdere il ritmo del teatro, senza allentare il filo dell’emozione, così ben teso nei racconti di un uomo comune, nella gestualità rassicurante e quindi accogliente, nel tono colloquiale di una figura fidata.
Il Progetto Cìncali si sviluppa all’interno della Compagnia del Teatro dell’Argine, seguendo una delle sue linee portanti: la produzione di drammaturgie originali.
Al lavoro hanno aderito amichevolmente Ascanio Celestini, Peppe Barra, Elio De Capitani, Laura Curino e Ferdinando Bruni prestando le loro voci alle lettere originali degli emigranti, che si alterneranno durante lo spettacolo.

Autori: Nicola Bonazzi e Mario Perrotta
Regia: Mario Perrotta
Compagnia/Produzione: Compagnia del Teatro dell’Argine

Si comincia alle ore 20.30.
Per tutte le informazioni www.fondazionenuovoteatroverdi.it e tel. (0831) 229230 – 562554.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas