Basket: Buona anche l’ultima per la Futura

405 letture dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 25 marzo Print

Basket: Buona anche l’ultima per la Futura

Nessuno sconto. La Futura Basket chiude in bellezza il campionato di A3 battendo in casa la New System Maddaloni per la quale si spalanca il limbo dei playout per non retrocedere. Brindisi si tiene stretta la sua A2, già ipotecata due settimane fa dopo il successo casalingo con l’Athena Roma, e allunga fino all’ultima sirena la sua striscia di vittorie. Pratica non irresistibile il Maddaloni, che dopo aver battuto la Pink Bari nel recupero di giovedì scorso, sperava che due punti in casa della capolista potessero dissolvere lo spettro dei playout. E invece la compagine casertana dovrà pagare il supplemento proprio con Bari, che ha battuto il San Raffaele senza tuttavia liberarsi del penultimo posto in graduatoria. La Futura legittima il suo primato e tiene fede all’impegno di non fare regali a nessuno, coronando la promozione con due vittorie di contorno che le statistiche hanno già preso in consegna. Il prossimo step sono i quarti di finale di Coppa Italia, in agenda il prossimo 5 aprile (ore 18.00) contro Ginnastica Triestina a Moncalieri. Prima, però, la squadra biancoazzurra sarà protagonista ancora a Brindisi a Palazzo Nervegna (sala conferenze) mercoledì 27 marzo alle ore 11 per cogliere il tributo dell’Amministrazione comunale. Cornice nobile di una stagione che cerca conferme in terra piemontese, nella volata a otto tra le squadre elette dei gironi di A3.
Francesca Gismondi ancora fuori per infortunio, Gigi Santini recupera Lauria rispetto alla gara di Sorrento e manda in campo Capolicchio, Manzini, Diene, Passon e Perseu. Il Maddaloni di coach Massimiliano Palmisani azzarda la trasferta di Brindisi che ha tutti i motivi per essere un tentativo disperato. Perché Brindisi non si rilassa, è sazia ma difende il fortino coi denti mettendo subito in chiaro il tema della serata.
L’incipit ricorda in silenzio Pietro Mennea, un simbolo dello sport migliore.
I primi cinque minuti sono movimentati, sul parquet c’è subito una Futura molto decisa, attenta in difesa e rapida a lanciarsi in contropiede. A metà primo quarto le padrone di casa conducono 10-4, poi non arrivano punti per tre minuti, Brindisi gioca bene ma qualche imprecisione tiene incollate le avversarie, che con Santonastaso, Correra e Giannelevigna in chiusura di periodo rimediano il 10-10. Santini cambia, entrano Lauria e Tagliamento, per Passon e Manzini. Passato il primo periodo, Laura Perseu diventa un rebus irrisolto per la difesa ospite, un rompicapo da oltre l’arco, devastante con gli arresti e tiro sul ferro corto: 16 punti prima della pausa lunga, che per la guardia brindisina comincia con un minuto di anticipo. Brindisi viaggia con grande intensità, incanala il match a proprio favore difendendo con grande attenzione e segnando sia in penetrazione sia dalla lunga distanza. A trenta secondi dall’intervallo lungo la Futura è avanti 36-22, poi l’ottima Santonastaso accorcia la forbice a 36-27.
Brindisi rientra con Boccadamo, Capolicchio, Manzini, Tagliamento e Diene. Santini continua a difendersi con la 3-2, la preziosissima Boccadamo corre sul filo di rimbalzi e recuperi, al 24’ Manzini firma con il 44-27 il massimo vantaggio delle padrone di casa (+17). Con le rotazioni dalla panchina la Futura prova a tenere i ritmi del secondo quarto: al 25’ fuori Tagliamento e Boccadamo, dentro Passon e Perseu, un minuto più tardi c’è Diene al posto di Lauria, al 27’ Giorgino per Capolicchio, poi di nuovo Boccadamo per Passon. Il Maddaloni si affida ai tiri piedi per terra dagli angoli, pur non riuscendo a monetizzarli tutti. Santonastaso, poi Correra e Fornaro guidano il break maddalonese e rimediano il meno undici (48-37) del terzo periodo. Nell’ultimo quarto, con lo stesso quintetto lasciato al termine del terzo, la Futura incassa subito un parziale di 0-7, fanno tutto Santonastaso e Giannelevigna. Sul più sei (50-44), Brindisi si scuote e riprende il comando del match. Si rivedono Capolicchio e Tagliamento per Giorgino e Manzini. È il 33’ e la partita cambia decisamente registro. Tagliamento capovolge l’inerzia, Capolicchio sforna giocate personali e per le compagne, Perseu è il terminale implacabile che finalizza il gioco corale. Boccadamo dà vita a una buona lotta sotto le plance ma al 37’ è costretta a uscire per infortunio. Al suo posto entra Nene Diene che ha energie sufficienti per finire l’avversario. Al 38’ c’è Passon per Lauria, giro di pivot secondo copione, al 39’ Marchese per Perseu. Il resto conta davvero poco, finisce 68-54 con Tagliamento che si porta a casa gli ultimi punti dell’A3. Souvenir di una stagione che farà fatica a dimenticare. La Futura ha superato ampiamente le premesse. Da campione d’inverno accede alla Final Eight di Coppa Italia. Da campione di primavera aggancia la serie A2. Una squadra buona per tutte le stagioni.

Basket, Sport

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 - Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo - contatti: redazione@telebrindisi.tv - tel. +39 3290615650 - +39 3925630311 - Edita da Multimedia Communication sas