​PUG Francavilla Fontana – Proposta di aggiornamento PAI. Interferenze con l’Area di Sviluppo Industriale (ASI) di Francavilla Fontana.

704 letture dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 13 marzo Print


A seguito della convocazione di un tavolo tecnico teso a valutare le problematica derivanti dal nuovo vincolo di pericolosità idraulica proposto dall’Autorità di Bacino per la Puglia lungo il tratto del Canale Reale che attraversa la S.S. 7 e lambisce l’agglomerato ASI, si è tenuto un incontro presso la sede municipale del Comune di Francavilla Fontana, a cui ha partecipato AdB, ASI, ANAS ed il Comune di Francavilla Fontana.
Il problema si inquadra nella definizione delle procedure di presa d’atto, nell’ambito del PUG, della nuova perimetrazione PAI riveniente da uno studio dell’AdB, che, se acquisita dal PUG, ai fini della pericolosità idraulica diventa, per le aree interessate, vincolo efficace e sovraordinato agli strumenti urbanistici.
Detto studio, porterebbe ad individuare una vasta area a valle del rilevato, caratterizzata da una elevata pericolosità idraulica, che interessa totalmente l’area ASI, su cui è presente una infrastrutturazione primaria, sono attivi alcuni insediamenti e sono avviate le procedure per l’assegnazione di lotti per ulteriori insediamenti.
Dal tavolo tecnico è emerso che l’approvazione del PUG, potrebbe passare tramite la sospenzione dell’adozione di detto vincolo.
Data la tempistica stimata dall’Anas, pari a venti anni, per le opere di manutenzione, la paventata apposizione del vincolo da parte di Ad creerebbe sicuro un notevole pregiudizio alla gestione dell’agglomerato industriale da parte del Consorzio ASI.
Ritengo necessario che il Consorzio ASI ed il Comune di Francavilla Fontana, in quanto soggetti congiuntamente obbligati a subire lo stato delle cose, pongano in essere ogni necessario intervento affinché, prima dell’approvazione del PUG, si possa avviare un procedimento che traguardi la rimozione, ovvero la rimodulazione, del vincolo di pericolosità idraulica.
Il Consorzio ASI, che su dette aree ha utilizzato risorse proprie per l’acquisizione dei terreni, oltre che finanziamenti pubblici per la realizzazione delle infrastrutture, non può prescindere dal richiedere, con chiarezza e fermezza, che la questione venga affrontata e risolta con il coinvolgimento dei vari soggetti istituzionali, in modo da individuare le soluzioni concrete e le relative opportunità di finanziamento per lo studio e la realizzazione di interventi mitigativi che, senza compromettere terzi, possano evitare, in tempi ragionevoli, l’applicazione del vincolo e rendere quindi utilizzabile l’area ASI per il perseguimento degli obiettivi prospettati sia dal Comune di Francavilla Fontana che dal Consorzio ASI.
IL PRESIDENTE
Marcello ROLLO

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 - Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo - contatti: redazione@telebrindisi.tv - tel. +39 3290615650 - +39 3925630311 - Edita da Multimedia Communication sas