Domani l’incontro tra la provincia ed i comuni di Ostuni e Fasano per i crediti del Parco

328 letture dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 18 febbraio Print

Per indisposizione del Commissario Prefettizio della Provincia, Dott. Cesare Castelli, è stato concordato che si svolgerà domani martedì 19 febbraio, alle ore 12, presso il Comune di Ostuni l’incontro sul mancato trasferimento delle risorse finanziarie da parte della Provincia di Brindisi al Consorzio di gestione del Parco naturale regionale “Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo”.

Lo spostamento della riunione è stata comunicata al Comune di Fasano e ai rappresentanti del Servizio Assetto del Territorio- Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità della Regione Puglia oltre che al direttore del Parco, dott. Gianfranco Ciola e al Presidente, prof. Giulia Anglani,

Previsto per il 5 e poi slittato al 13 febbraio, questo confronto non si è potuto svolgere per l’indisponibilità di salute del Commissario Prefettizio della Provincia, Dott. Castelli.

Al centro della discussione vi è l’impossibilità di procedere con la gestione ordinaria 2012 e di approvare il bilancio 2013 per il parco delle Dune Costiere per la mancata erogazione, per gli anni 2011 e 2012, da parte della Provincia di Brindisi, dei contributi assegnati al Consorzio nell’ambito del Piano regionale di tutela ambiente.

Una situazione di profonda incertezza che sta provocando uno stato di estremo disagio e una progressiva paralisi dell’attività consortile, rischiando di comprometterne la stessa sopravvivenza del parco.

Per questo il Sindaco di Ostuni, Avv. Domenico Tanzarella, vista la nota del direttore del Parco, dott. Gianfranco Ciola e del Presidente, prof. Giulia Anglani, condividendone appieno i contenuti, ha indetto la riunione per le ore 12 di mercoledì 13, con i rappresentanti degli Enti: il Commissario consorziati e il Comune di Fasano alla presenza dei rappresentanti del Servizio Assetto del Territorio-Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità della Regione Puglia

Nonostante le limitate risorse a disposizione (il Consorzio ha, fino ad oggi, potuto unicamente contare su un contributo facente capo al PPTA), l’Ente ha, nei suoi primi tre anni di operatività, messo in atto una serie di attività che sono valse, fra l’altro, il riconoscimento Slow food sul Pomodoro Regina di Torre Canne e molti premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, come il Premio Paesaggio del Consiglio d’Europa e il conferimento della certificazione europea Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS).

Nonostante i buoni risultati conseguiti, il Consorzio si trova oggi in una situazione di estremo disagio e di profonda incertezza e la mancata erogazione, per gli anni 2011 e 2012, da parte della Provincia di Brindisi, dei contributi assegnati al Consorzio, sta provocando una progressiva paralisi dell’attività consortile, rischiando di comprometterne la stessa sopravvivenza.

Inoltre, il protrarsi del silenzio dell’Amministrazione provinciale di fronte ai numerosi solleciti formalmente inoltrati dal Consorzio per rappresentare la situazione, suscita dubbi persino circa la stessa permanenza dei contributi a suo tempo assegnati, rendendo, di fatto, “aleatoria” se non addirittura inoperabile, l’approvazione, da parte degli organi del Consorzio, dei principali strumenti programmatici (in primis il Bilancio di previsione) previsti dal legislatore.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 - Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo - contatti: redazione@telebrindisi.tv - tel. +39 3290615650 - +39 3925630311 - Edita da Multimedia Communication sas