Basket : Futura Basket, a Bari per tenere il passo

354 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 31 gennaio Print

La Futura c’è, ha superato brillantemente l’esame Basilia Potenza e ora presidia accuratamente la prima piazza del campionato. La Futura ha messo due punti in più sulla sua strada e domenica scorsa il Civitanova ha fermato la corsa del Santa Marinella permettendo alle brindisine di allungare il vantaggio sul terzetto inseguitore (Civitanova, San Raffaele e Santa Marinella) a sei punti. In casa biancoazzurra si fanno gli scongiuri del caso, il traguardo è in fondo a un percorso a ostacoli e non è ancora il momento di parlarne. C’è prima il campionato da assopire, ci sono avversari pronti a vendere cara la pelle contro la prima della classe. Prima, in ordine di tempo, la Pink Sport Time Bari, formazione che veleggia nelle sfere basse della classifica ma che la Futura guarda con il dovuto sospetto. Poi i derby, si sa, restano sfide speciali. Lo sa bene Laura Perseu, top scorer della squadra brindisina con 179 punti all’attivo, ventisettenne messinese di Patti con tanta A2 alle spalle tra Battipaglia, Siena e Pomezia. “Affronteremo la partita con l’approccio di sempre – afferma la forte giocatrice – senza fare ragionamenti con la classifica in mano. Si tratta poi di un derby e i derby sono partite che spesso azzerano tutto, subentrano motivazioni che mettono in secondo piano le differenze tecniche. Guai, dunque, a prendere sottogamba la trasferta di Bari”.
Perseu non vuol sentir parlare di classifica. La Pink Bari chiude il raggruppamento davanti solo a Latina, ma al “Pala Carrassi” sarà palla a due come ogni partita. “La vittoria contro Potenza è stata fondamentale – ammette la guardia brindisina – perché venivamo dalla sconfitta di Santa Marinella e un’altra battuta d’arresto poteva avere ripercussioni importanti sul morale e sulla forza del gruppo. I due punti hanno rimesso in carreggiata la Futura e ora siamo pronte a riprendere con il massimo entusiasmo. Purtroppo le tre partite che ci siamo lasciate alle spalle, contro altrettante avversarie di rango, sono coincise con una condizione fisica approssimativa, anche sabato scorso abbiamo avuto Passon e Lauria a metà servizio per problemi muscolari, io stessa ho un edema al ginocchio che non mi permette ancora di esprimermi al top”. Ma la Futura macina gioco e risultati, le interpreti, ruotate, scambiate e adattate, non sbagliano una virgola e la squadra scrive il suo campionato da capolista indiscussa. “Non c’è nessun segreto dietro un campionato di vertice – continua – ma è sempre un’alchimia ben dosata fatta di lavoro, tecnica e gruppo. A questo si aggiunga un allenatore davvero bravo che ha saputo costruire la squadra in campo, con gli equilibri giusti e distribuendo mirabilmente ruoli e responsabilità. Penso che la classifica sia lo specchio delle forze in competizione: tutte hanno finora ciò che si meritano, dalla testa in giù, forse con l’unica eccezione del Latina che occupa l’ultima posizione ma che a mio avviso non è la peggiore squadra del girone. Paga più del dovuto alcune assenze prolungate come quella del play Marta Fantauzzi, che sta vivendo una stagione davvero tormentata per colpa degli infortuni. Noi siamo in testa con merito, penso che i valori in campo riconoscano nettamente il primato della Futura: abbiamo perso solo due gare e in entrambe le occasioni senza demeritare”. Laura Perseu è tra i punti di forza della Futura formato Santini, un connubio tecnico che è garanzia di qualità e propellente puro per questa corsa solitaria e incontrastata. “A Brindisi mi trovo benissimo – conclude la guardia pattese – perché è una città del Sud e in questo trovo tanti tratti comuni con il mio paese d’origine. Il basket per me è una scelta di vita, devi mettere in conto un po’ di rinunce e sacrifici, tra tutti la famiglia e gli amici, ma se poi diventa una passione ciò che ti restituisce è davvero straordinario”.
Intanto anche a Bari sale la febbre da derby. Ma il presidente Patrizia Aldini getta acqua sulle aspettative in casa biancorossa. “Nessuno mai entra in campo pensando di aver già perso la partita – sottolinea il massimo dirigente barese – ma i conti si fanno con la realtà. E la realtà mette di fronte due squadre che hanno valori decisamente diversi, così come diverso è l’approccio al campionato. La Pink Bari ha urgenza di salvarsi, ma non è certo contro squadre come Brindisi che pensiamo di favorire l’obiettivo: sarebbe presuntuoso da parte nostra. La Futura è in assoluto leader del girone, la squadra più accreditata per il salto in A2. La Pink è invece una formazione giovanissima che prova a crescere attorno all’esperienza di due veterane come il pivot Daniela Perrone e l’ala-pivot Adriana Pastore. Non è davvero il caso di fare paragoni”. Come a dire, giusto provarci ma non abbiamo scampo. Sarà vero?

Basket, Sport

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas