Politecnico di Bari : Fotografia come Antropologia

319 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 8 gennaio Print

Giovedì d’autore nella sala delle conferenze del Politecnico con il fotografo-architetto-docente universitario, Sisto Giriodi. Da Torino a Bari, ospite del Museo della Fotografia del Politecnico, si presenterà (10 gennaio, ore 17:30) al numeroso pubblico appassionato dell’arte dello scatto con un tema suggestivo e ricco di spunti: “Fotografia come Antropologia”.
Il suo, sarà un percorso per nulla scontato, dalle origini della fotografia (inizio anni 20 del XIX° secolo), attraverso le osservazioni delle diverse fasi del processo storico. “Nel ‘900 – dice Giriodi – sono state ‘inventate’ categorie critiche da utilizzare per distinguere fotografie diverse, idee diverse di fotografia: fotografie come ‘finestre’ o come ‘specchi’, fotografie come studium o come punctum,: coppie antinomiche costruite per cogliere, per misurare la posizione del fotografo rispetto alla realtà, perché una fotografia è sempre un ritaglio della realtà”.
Sisto Giriodi, architetto, docente di Progettazione architettonica al Politecnico di Torino, ha imparato a guardare all’architettura ed alla fotografia come ad una antropologia. Come fotografo di territorio lavora da più di dieci anni ad un progetto di lunga durata – l’Atlante Piemontese – nel quale raccoglie i miti enigmi che il progresso nasconde nelle campagne del Basso Piemonte; ‘capitoli’ dell’Atlante’ sono stati esposti in Italia ed all’estero, mentre ‘pagine’ dell’Atlante sono conservate in collezioni private e nel Dipartimento di Fotografia della Biblioteca Nazionale a Parigi; un posto a parte nell’Atlante ha l’Atlante Torinese, che raccoglie le ‘campagne’ più brevi condotte in occasione di eventi singolari: sulla città trasformata dalle ‘bandiere della pace’ in un teatrino festoso; sulla città trasformata dai cantieri della metro nel centro storico in un teatrino bellicoso; sulla città trasformata dagli anni ‘olimpici’, o su aspetti singolari di Torino: sui circoli dei canottieri sul Po, sulle case a colori del dopo guerra; sulle storia di una tecnica artigianale, quella delle facciate in finta pietra.
Il modello dell’atlante è all’origine anche di due ‘campagne’ fuori dei confini del Piemonte: quella sugli enigmatici cancelli rurali in Puglia, e quella su Parigi come ‘festa mobile’.
L’incontro con il prof. Sisto Giriodi (Sala delle Conferenze, via Amendola, 126/b, ore 17:30), è organizzato dal Museo della Fotografia del Politecnico di Bari.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas