Brindisi : Domenica 6 gennaio arriva “Calza gluten free”, in Piazza Cairoli

1.720 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 3 gennaio Print

Brindisi : Domenica 6 gennaio arriva “Calza gluten free”, in Piazza Cairoli

Arriva anche a Brindisi la “Calza gluten free”, un’iniziativa ideata ed organizzata dall’Associazione AAIA-onlus (Associazione Ammalati Immunopatici e Ambientali), con il patrocinio – oltre che dell’Asl e della Regione Puglia (Assessorato alle Risorse Agroalimentari) – dell’Amministrazione comunale di Brindisi che ha messo a disposizione un chioschetto in Piazza Cairoli, per domenica 6 gennaio prossimo, dalle ore 10.00 alle ore 21.00. All’interno, sarà possibile acquistare ad un prezzo simbolico la “Calza della Befana senza glutine” e firmare la petizione per modificare l’art. 4 della legge 4 luglio 2005, n. 123 perché sia riconosciuto il diritto ad usufruire gratuitamente di prodotti senza glutine anche a coloro che sono “gluten sensibili”, una forma parallela alla celiachia, con disturbi altrettanto limitanti, ma che non è formalmente “celiachia”. “Fino a circa dieci anni fa – spiegano gli organizzatori – la malattia celiaca era considerata la sola forma di reazione al glutine, più che altro confinata in Europa. In soli 10 anni, una serie di conoscenze sempre nuove ha acceso i riflettori sulle patologie correlate al glutine in tutto il mondo. D’altro canto il numero di persone che hanno deciso di avviare una dieta priva di glutine sembra essere molto più alto del numero teorico calcolato sulla base di dati epidemiologici relativi a soggetti potenzialmente affetti da celiachia, generando un mercato globale di prodotti senza glutine che ha raggiunto, nel 2010, un fatturato complessivo di 2,5 miliardi di dollari. Questo trend è supportato dal concetto che, oltre alla celiachia, sono emerse altre condizioni cliniche scatenate dall’ingestione del glutine. Da qui la necessità di considerare nel loro insieme le forme principali di reazione al glutine, quella allergica (allergia al frumento), quella autoimmunitaria (malattia celiaca) e una forma più recentemente descritta detta ‘gluten sensitivity’. Da qui l’iniziativa della raccolta firme, finalizzata a contribuire a dare una risposta al bisogno espresso da numerosi pazienti, e dalle associazioni che li rappresentano, i quali – pur non potendo assumere glutine – non hanno alcun diritto ad accedere a buoni per l’acquisto agevolato di prodotti deglutinati. La proposta di modifica alla normativa presente tende ad integrare la platea dei beneficiari, allargandola anche ai gluten-sensibili ovvero a coloro che soffrono di questa forma parallela alla celiachia.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas