Calcio,Flora: “il Brindisi mi interessa. Ma alle mie condizioni”

914 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 29 dicembre Print

Calcio,Flora: “il Brindisi mi interessa. Ma alle mie condizioni”

<< E’ vero –ho incontrato il sindaco-, ma  da qui a rilevare il Brindisi ne passa.>> Ad affermarlo Antonio Flora che giovedì scorso ha avuto un incontro con il sindaco di Brindisi, al quale sommariamente l’imprenditore avrebbe illustrato il suo progetto per il calcio brindisino:<< Ho spiegato al sindaco in maniera molto sommaria qual’è la mia idea. Certo, non ho illustrato  tutto il progetto, che tengo invece  per me . Un progetto che potrei presentare  se ve ne fosse l’occasione  in altra sede. >> A questo punto  la domanda è d’obbligo. Perché Flora incontra il primo cittadino e non tutti gli soci del Brindisi? Del resto la SSD Città di Brindisi è una società privata e  forse sarebbe più opportuno che  Flora incontrasse i  componenti della società adriatica. Ma a tal proposito  l’imprenditore barese fa  capire che  sarebbe pronto a rilevare il Brindisi, ma non ad accollarsi  tutti debiti. Si aggirerebbe infatti intorno ai 500 mila euro  il passivo della società di via Benedetto Brin:<< Mi piacerebbe investire nel calcio a Brindisi ,- spiega Flora-, ma al momento non credo vi siano i margini per farlo. Pe investire è necessario che la società sia lasciata  da tutti i soci e  che sia soprattutto “pulita” senza pendenza alcuna.>> Chiara la posizione di Flora che avrebbe  intenzione di rilevare il Brindisi, gratuitamente -, magari dalle mani del sindaco. Alla domanda se è  pronto a incontrare i soci  del Brindisi Flora risponde:<< Certo , che sono pronto-. Sempre che loro vogliano incontrarmi. Al momento, ripeto,  non credo vi siano i margini  per farlo.>>  Ovviamente l’ex presidente del Trani si riferisce al fatto che i soci del Brindisi non hanno alcuna intenzione di “mollare” senza recuperare le spese sostenute  per il finanziamento  soci effettuato dalla “Ra Costruzuioni “ che fa capo a Giuseppe Roma, e da Guido Sernicola per l’ iscrizione  della nuova società al campionato di serie D. Ma  qualcuno si chiede: in questo turbinio di notizie  fatte  di dimissioni, cessioni di quote e disimpegni come e da chi è costituita  attualmente la società del Brindisi? C’è Roberto Galluzzo che è l’amministratore unico, e ci sono ancora tutti  gli altri  soci: Giuseppe Roma, Enrico Sciacca,  Annino De Finis e Guido Sernicola. Tutti i recessi per la cessione del quote e la cessione di Galuzzo al  sindaco in realtà è solo simbolica. Secondo indiscrezioni  l’ex presidente Giuseppe Roma avrebbe proposto di raccoglie un quota attraverso amici – imprenditori sotto forma di sponsor per chiudere tranquillamente questo campionato e tirare le somme a maggio prossimo. Insomma la situazione è per certi versi drammatica e sempre più intricata. L’auspicio è che anche questa volta il Brindisi non  finisca nel baratro del fallimento. Intanto sul fronte del calcio giocato i biancazzurri di Ciullo  continuano la preparazione in vista della ripresa del campionato dopo la pausa per le festività natalizie, prevista per il prossimo 6 gennaio.   Laboragine e compagni  sono attesi da una difficile trasferta in quel di Bisceglie. L’obiettivo sarà quello di conquistare un risultato positivo per impinguare in chiave salvezza la graduatoria, per lasciare al più presto la ”zona rossa” dei play-out.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas