FERRARESE: “Cancelliamo il ‘porcellum’ per cambiare la nostra terra”

553 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 18 novembre Print

“Cancelliamo il porcellum per cambiare la nostra terra”. E’ quanto ha dichiarato il leader di ‘Noi Centro’ federato Udc, Massimo Ferrarese, all’incontro tenutosi a Bari, con il vertice regionale dei centristi in riferimento alla legge elettorale chiamata “Porcellum”, che ha sottratto agli elettori la possibilità di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento. “E’ un potere previsto dalla costituzione, quello di eleggere i propri rappresentanti alla Camera e al Senato – ha detto Ferrarese -, e deve essere restituito ai cittadini. Quanto stiamo vivendo è l’esatto contrario della democrazia e quindi un regime. Non possiamo definire in altra maniera una situazione nella quale i parlamentari sono praticamente sotto perenne ricatto politico da parte di coloro che li hanno nominati, tanto da votare, senza rendersene nemmeno conto, alcune leggi, come addirittura quella che cancella la propria Provincia e la propria città capoluogo. Noi forze di centro – ha spiegato Ferrarese ai suoi colleghi -, siamo tutti d’accordo affinchè venga immediatamente cancellata questa legge elettorale. Non si comprende però, il motivo per il quale, altre forze politiche, che in questi anni l’hanno sempre criticata, oggi sembra che facciano di tutto per conservarla.
Sono convinto – ha continuato Ferrarese – che per cambiare il paese e far crescere il nostro mezzogiorno, come non accade da tempo, si debba tornare subito a votare i nostri rappresentanti in Parlamento, perché abbiano cosi l’autorevolezza, per poter dire e soprattutto fare per il territorio che rappresentano. Basti pensare – ha insistito il presidente di ‘Noi Centro’ -, che nessuna grande opera e nessuna infrastruttura, è stata realizzata nel nostro territorio, negli ultimi vent’anni, proprio perché le figure più autorevoli del Parlamento, continuano a rimanere quelle del Nord, tanto da decidere di investire moltissimi miliardi di euro nel settentrione d’Italia.
E’ per questo che il Sud sta morendo. Nonostante la legge vigente, renderebbe più facile la mia elezione in parlamento, ciò che a me interessa unicamente è lasciare da parte personalismi ed egoismi, che hanno allontanato i cittadini dalla politica negli ultimi anni ed essere scelto liberamente dagli elettori senza quindi essere nominato.
Cambiamo la legge elettorale – ha concluso Ferrarese – e automaticamente cambieremo anche la nostra terra”.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas