Dopo la biciclettata di protesta “ORA BASTA GHOST BIKES”

261 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 17 novembre Print

Venerdì 16 novembre si è svolta a Brindisi una biciclettata di solidarietà contro l’ennesima strage nei confronti di un ciclista in Italia, questa volta è toccato ad una ragazza di 17 anni di Lodi uccisa nei giorni scorsi, travolta da un Suv a folle velocità durante una ciclo escursione in bicicletta.
Sono saliti a 217 i ciclisti uccisi in Italia dall’inizio dell’anno.
In contemporanea si è pedalato per lo stesso motivo in quasi 30 città d’Italia dalla Val d’Aosta alla Sicilia, in una grande pedalata nazionale.
Oggi vogliamo dire BASTA a questa strage, Oggi vogliamo affermare i diritti dei ciclisti ad avere delle infrastrutture adeguate e sicure separate dagli automobilisti.
Abbiamo gli stessi diritti degli altri veicoli stradali nel pretendere infrastrutture sicure e nell’avere il diritto di potersi spostare in bicicletta in completa sicurezza.
Oggi in Italia si fa ancora troppo poco per noi ciclisti e ancor meno si fa in questo angolo d’Italia: a Brindisi, nella nostra città, dove pur essendoci un numero sempre più numeroso di cittadini che usano la bicicletta, non esiste ancora alcuna pista ciclabile che consenta gli spostamenti quotidiani nel centro cittadino in completa sicurezza, rischiamo la vita ogni volta che tentiamo di percorrere la Via Appia, la Via Prov.le San Vito, il Cavalcavia De Gasperi e tutte le principali arterie cittadine, affianco ad automobili che sfrecciano a velocità assurde.
Ci siamo stancati di essere considerati degli utenti stradali di SERIE B! Noi pedaliamo per noi, ma anche per la nostra società, per una società che pensiamo con meno traffico e più spazi vivibili.
Altea Trini era una ragazza di 17 anni e la immaginiamo come una ragazza felice e solare nel pieno della sua gioventù, la immaginiamo a pedalare fra di noi, a ridere e a scherzare come quei tanti ragazzi che fanno partedeinostrigruppi durantelenostreescursioniinbicicletta.
Altea Trini era una ciclista, Altea Trini non era un fantasma. Noi siamo ciclisti, Noi non siamo fantasmi.

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas