Accorpamento – Pasquale Rizzo (Sindaco S.Pietro V.co) : ”Avevo proposto la Grande Provincia già a settembre”

808 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 3 novembre Print

Accorpamento – Pasquale Rizzo (Sindaco S.Pietro V.co) : ”Avevo proposto la Grande Provincia già a settembre”

La provincia di Brindisi è stata affossata dalle decisioni sbagliate dell’ex  Presidente Ferrarese e del Sindaco di Brindisi Consales che, invece di fare un mea culpa, sperano di recuperare una partita persa quando ormai siamo alla fine dei tempi supplementari, tornando a parlare di Grande Salento. Spiace dirlo, ma occorre nella vita avere il coraggio di chiamare le cose con il giusto nome al di là delle appartenenze politiche!

La possibilità di realizzare la provincia unica di Brindisi Lecce e Taranto era quella da me indicata sin dai primi mesi di settembre (deliberare tutti il transito nel territorio di Lecce) facendo ciò che oggi, come fatto postumo, tutti i Comuni stanno cercando di fare nel tentativo di rimediare ai danni causati dalla errata impostazione data da Ferrarese e Consales. E’ assurdo leggere che Comuni che hanno creato il “tappo” (non solo politico)  rispetto alle volontà di altri territori (interrompendo la necessaria contiguità territoriale al fine di poter decidere il transito verso altre Provincie) oggi affermano di voler transitare in Lecce; è assurdo leggere che chi ha chiamato San Pietro V.co, Cellino, Torchiarolo, San Pancrazio e San Donaci “traditori”, si sia reso conto che a tradire il territorio siano stati altri! La precedente legge assumeva che nessuna Provincia avrebbe potuto recuperare i parametri mancanti (popolazione e territorio) grazie al transito in ingresso di nuovi Comuni; se tutti i Comuni del Brindisino avessero scelto Lecce, Taranto automaticamente sarebbe stata accorpata a Lecce e Brindisi creando così la Grande Provincia tanto voluta, sulla carta ma non nei fatti, da chi invece ha osteggiato tale risultato. Qualcuno oggi afferma di non voler andare con il cappello in mano a chiedere di far parte di Lecce; Brindisi oggi deve decidere se andare con il cappello in mano verso Taranto o Lecce grazie alla miope visione di chi ha deciso un percorso sbagliato. Il problema non è stato quello di aspettarsi da Lecce una apertura su qualcosa, ma di credere alla velleitaria possibilità del doppio capoluogo che contrastava con i principi della legge e che mai avrebbe potuto trovare giuridica consistenza.

A conti fatti cosa accade:

1)      grazie alla sbagliata scelta di Brindisi (Città e Provincia), il decreto Legge ha ormai istituito la nuova Provincia di Brindisi/Taranto che, quindi, rimarrà tale anche qualora altri Comuni decidano di andare verso Lecce, salvo a verificare che, con il predetto passaggio, Taranto non abbia più i numeri per restare provincia (non sarebbe stato quindi opportuno farlo prima?). Lecce era e resta provincia tanto che viene inserita nella lettera b) del comma 1 dell’articolo 2 della legge tra gli Enti che mantengono lo status e non variano nulla se non l’acquisizione di nuovi territori. Con Brindisi e Taranto in più probabilmente Lecce sarebbe stata inserita tra le nuove più grandi Provincie e, in virtù della norma, probabilmente i Comuni a maggioranza avrebbero poi deciso nome e capoluogo (in tal senso il Parlamento avrebbe giocato un ruolo decisivo e possibile senza incagli costituzionali);

2)      con provvedimento del Parlamento, se non vi è la volontà dei Comuni interessati (nessuno potrà obbligare Taranto ed i Comuni del tarantino a creare la Grande Provincia, o sperare che deliberino in tal senso visto che è stata già istituita la Provincia di Taranto) giammai potrà imporsi la Provincia di Brindisi/Lecce e Taranto se non compromettendo costituzionalmente un percorso già irto e pieno di contraddizioni rispetto al dettato normativo;

3)      l’unico modo per dare dignità al territorio di Brindisi sarebbe stato quello di presentarsi compatto verso l’unica aggregazione chiesta dal territorio (Lecce), mettendo da parte promesse poi disattese (il doppio capoluogo o la sede decentrata vietata dal decreto) o velleità palesemente in contrasto con ciò che la legge prevedeva;

4)      il PD, Noi Centro e la stessa UDC, costringendo alcuni Comuni a prendere posizioni ondivaghe e subordinate al Grande Salento, hanno creato le condizioni affinchè restino allo stato attuale fuori dal riordino importanti realtà territoriali (come Mesagne), che invece intendevano andare in direzione di Lecce. Oggi si deve sperare che in sede di conversione altri ritocchi debbano e possano essere effettuati. Se San Pietro V.co avesse accolto l’ordine del giorno proposto dalla opposizione (PD in primis), non avremmo ottenuto il passaggio a Lecce richiesto a gran voce dai cittadini consultati con procedimento osteggiato dalle predette opposizioni;

5)      se il Presidente Ferrarese fosse rimasto al suo posto oggi avrebbe risparmiato egualmente i costi della giunta (cancellata con il e del Consiglio Provinciale ed avrebbe amministrato insieme al suo staff ed a tre consiglieri Provinciali, come previsto dalla norma. Ha deciso invece di buttare via un anno (il 2013) di scelte politiche ed amministrative importanti, lasciandole in mano al Commissario, persona di spessore tecnico ed umano, ma sicuramente non organo politico scelto dai cittadini. Per un Sindaco sarebbe facile gettare le armi per i tagli del Governo, ma chi si candida e fa candidare altri alla guida di Istituzioni deve avere sempre il dovere di non abbandonare la nave fino al momento in cui può ancora guidarla con la maggioranza politica. Poche persone in una stanza hanno deciso le sorti della Provincia di Brindisi in barba a qualsivoglia percorso democratico e di rispetto per i cittadini che invece avevano chiesto ed ottenuto una guida politica (il Presidente Ferrarese) nuova che ha abbandonato il territorio e chi ha creduto in un percorso importante, riscontrando peraltro negli anni risultati di tutto rispetto. Nemo ad impossibilia tenetur: tradotto, nessuno può fare l’impossibile e se quindi Ferrarese era nella impossibilità di fare qualcosa per il territorio restando al suo posto, si presume che il Commissario avrà gli stessi problemi, con la differenza che il primo avrebbe potuto dare un taglio politico alle scelte.

6)      Come voteranno i Parlamentari del PD se l’Assessore Pelillo esulta per la scelta Brindisi / Taranto ?

Per concludere la fine della Provincia di Brindisi ha sicuramente un timbro che proviene da Roma e precise responsabilità politiche che abbracciano tutti i partiti nessuno escluso, ma sono evidenti i comportamenti assunti da pochi che lo scrivente ritiene sbagliati ed in alcuni casi irresponsabili, sotto il profilo del rispetto del territorio.  San Pietro Vernotico è disponibile a fare tutto quanto necessario per consentire a Brindisi ed agli altri Comuni di rivedere gli errori del passato, ma non sarà presente alla riunione di lunedì perché ha già fatto le sue scelte, ed è a disposizione delle realtà territoriali che intendano aprire ogni nuovo discorso a livello Parlamentare che non metta in discussione le predette scelte. Dopo che i “convocati” dal Sindaco di Brindisi e dal Presidente Ferrarese sceglieranno le strategie future, San Pietro V.co sarà al loro fianco per sposare le scelte e porre in essere ogni azione ritenuta utile per gli interessi di Brindisi e di tutti i Comuni della sua ex Provincia. Nessun contributo nuovo o differente possiamo dare rispetto a quanto precedentemente proposto e disatteso, per cui la nuova linea che sarà tracciata lunedì sarà seguita se compatibile con le aspettative del territorio che mi onoro di rappresentare.

Pasquale Rizzo Sindaco San Pietro Vernotico

La provincia di Brindisi è stata affossata dalle decisioni sbagliate dell’ex  Presidente Ferrarese e del Sindaco di Brindisi Consales che, invece di fare un mea culpa, sperano di recuperare una partita persa quando ormai siamo alla fine dei tempi supplementari, tornando a parlare di Grande Salento. Spiace dirlo, ma occorre nella vita avere il coraggio di chiamare le cose con il giusto nome al di là delle appartenenze politiche!

La possibilità di realizzare la provincia unica di Brindisi Lecce e Taranto era quella da me indicata sin dai primi mesi di settembre (deliberare tutti il transito nel territorio di Lecce) facendo ciò che oggi, come fatto postumo, tutti i Comuni stanno cercando di fare nel tentativo di rimediare ai danni causati dalla errata impostazione data da Ferrarese e Consales. E’ assurdo leggere che Comuni che hanno creato il “tappo” (non solo politico)  rispetto alle volontà di altri territori (interrompendo la necessaria contiguità territoriale al fine di poter decidere il transito verso altre Provincie) oggi affermano di voler transitare in Lecce; è assurdo leggere che chi ha chiamato San Pietro V.co, Cellino, Torchiarolo, San Pancrazio e San Donaci “traditori”, si sia reso conto che a tradire il territorio siano stati altri! La precedente legge assumeva che nessuna Provincia avrebbe potuto recuperare i parametri mancanti (popolazione e territorio) grazie al transito in ingresso di nuovi Comuni; se tutti i Comuni del Brindisino avessero scelto Lecce, Taranto automaticamente sarebbe stata accorpata a Lecce e Brindisi creando così la Grande Provincia tanto voluta, sulla carta ma non nei fatti, da chi invece ha osteggiato tale risultato. Qualcuno oggi afferma di non voler andare con il cappello in mano a chiedere di far parte di Lecce; Brindisi oggi deve decidere se andare con il cappello in mano verso Taranto o Lecce grazie alla miope visione di chi ha deciso un percorso sbagliato. Il problema non è stato quello di aspettarsi da Lecce una apertura su qualcosa, ma di credere alla velleitaria possibilità del doppio capoluogo che contrastava con i principi della legge e che mai avrebbe potuto trovare giuridica consistenza.

A conti fatti cosa accade:

1)      grazie alla sbagliata scelta di Brindisi (Città e Provincia), il decreto Legge ha ormai istituito la nuova Provincia di Brindisi/Taranto che, quindi, rimarrà tale anche qualora altri Comuni decidano di andare verso Lecce, salvo a verificare che, con il predetto passaggio, Taranto non abbia più i numeri per restare provincia (non sarebbe stato quindi opportuno farlo prima?). Lecce era e resta provincia tanto che viene inserita nella lettera b) del comma 1 dell’articolo 2 della legge tra gli Enti che mantengono lo status e non variano nulla se non l’acquisizione di nuovi territori. Con Brindisi e Taranto in più probabilmente Lecce sarebbe stata inserita tra le nuove più grandi Provincie e, in virtù della norma, probabilmente i Comuni a maggioranza avrebbero poi deciso nome e capoluogo (in tal senso il Parlamento avrebbe giocato un ruolo decisivo e possibile senza incagli costituzionali);

2)      con provvedimento del Parlamento, se non vi è la volontà dei Comuni interessati (nessuno potrà obbligare Taranto ed i Comuni del tarantino a creare la Grande Provincia, o sperare che deliberino in tal senso visto che è stata già istituita la Provincia di Taranto) giammai potrà imporsi la Provincia di Brindisi/Lecce e Taranto se non compromettendo costituzionalmente un percorso già irto e pieno di contraddizioni rispetto al dettato normativo;

3)      l’unico modo per dare dignità al territorio di Brindisi sarebbe stato quello di presentarsi compatto verso l’unica aggregazione chiesta dal territorio (Lecce), mettendo da parte promesse poi disattese (il doppio capoluogo o la sede decentrata vietata dal decreto) o velleità palesemente in contrasto con ciò che la legge prevedeva;

4)      il PD, Noi Centro e la stessa UDC, costringendo alcuni Comuni a prendere posizioni ondivaghe e subordinate al Grande Salento, hanno creato le condizioni affinchè restino allo stato attuale fuori dal riordino importanti realtà territoriali (come Mesagne), che invece intendevano andare in direzione di Lecce. Oggi si deve sperare che in sede di conversione altri ritocchi debbano e possano essere effettuati. Se San Pietro V.co avesse accolto l’ordine del giorno proposto dalla opposizione (PD in primis), non avremmo ottenuto il passaggio a Lecce richiesto a gran voce dai cittadini consultati con procedimento osteggiato dalle predette opposizioni;

5)      se il Presidente Ferrarese fosse rimasto al suo posto oggi avrebbe risparmiato egualmente i costi della giunta (cancellata con il e del Consiglio Provinciale ed avrebbe amministrato insieme al suo staff ed a tre consiglieri Provinciali, come previsto dalla norma. Ha deciso invece di buttare via un anno (il 2013) di scelte politiche ed amministrative importanti, lasciandole in mano al Commissario, persona di spessore tecnico ed umano, ma sicuramente non organo politico scelto dai cittadini. Per un Sindaco sarebbe facile gettare le armi per i tagli del Governo, ma chi si candida e fa candidare altri alla guida di Istituzioni deve avere sempre il dovere di non abbandonare la nave fino al momento in cui può ancora guidarla con la maggioranza politica. Poche persone in una stanza hanno deciso le sorti della Provincia di Brindisi in barba a qualsivoglia percorso democratico e di rispetto per i cittadini che invece avevano chiesto ed ottenuto una guida politica (il Presidente Ferrarese) nuova che ha abbandonato il territorio e chi ha creduto in un percorso importante, riscontrando peraltro negli anni risultati di tutto rispetto. Nemo ad impossibilia tenetur: tradotto, nessuno può fare l’impossibile e se quindi Ferrarese era nella impossibilità di fare qualcosa per il territorio restando al suo posto, si presume che il Commissario avrà gli stessi problemi, con la differenza che il primo avrebbe potuto dare un taglio politico alle scelte.

6)      Come voteranno i Parlamentari del PD se l’Assessore Pelillo esulta per la scelta Brindisi / Taranto ?

Per concludere la fine della Provincia di Brindisi ha sicuramente un timbro che proviene da Roma e precise responsabilità politiche che abbracciano tutti i partiti nessuno escluso, ma sono evidenti i comportamenti assunti da pochi che lo scrivente ritiene sbagliati ed in alcuni casi irresponsabili, sotto il profilo del rispetto del territorio.  San Pietro Vernotico è disponibile a fare tutto quanto necessario per consentire a Brindisi ed agli altri Comuni di rivedere gli errori del passato, ma non sarà presente alla riunione di lunedì perché ha già fatto le sue scelte, ed è a disposizione delle realtà territoriali che intendano aprire ogni nuovo discorso a livello Parlamentare che non metta in discussione le predette scelte. Dopo che i “convocati” dal Sindaco di Brindisi e dal Presidente Ferrarese sceglieranno le strategie future, San Pietro V.co sarà al loro fianco per sposare le scelte e porre in essere ogni azione ritenuta utile per gli interessi di Brindisi e di tutti i Comuni della sua ex Provincia. Nessun contributo nuovo o differente possiamo dare rispetto a quanto precedentemente proposto e disatteso, per cui la nuova linea che sarà tracciata lunedì sarà seguita se compatibile con le aspettative del territorio che mi onoro di rappresentare.

Pasquale Rizzo Sindaco San Pietro Vernotico

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Cristina Giorgino Cavallo – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas