ARGESE UDC: lasciamo che siano i rappresentati istituzionali a fare le proposte

309 Visualizzazioni dal 1 Gennaio 2013

inserito da il 8 settembre Print

ARGESE UDC: lasciamo che siano i rappresentati istituzionali a fare le proposte

Se i parlamentari della mia terra non avessero votato la Legge n. 135 del 7 agosto 2012, se avessero proferito qualche parola o tentato di presentare un emendamento, forse la nostra Provincia oggi sarebbe rimasta ancora tale, così come la città capoluogo. E’ quanto ha dichiarato oggi Ciro Argese, segretario provinciale dell’UDC, nell’incontro nazionale dei segretari provinciali a Chianciano terme. Il nostro partito, ha detto Argese, proponeva la pari dignità e quindi l’abolizione di tutte le province italiane nell’ambito di un riassetto istituzionale complessivo del nostro Paese. È accaduto invece che, a differenza della vicina Provincia di Lecce dove la forza politica dei parlamentari è riuscita a far modificare i parametri per poterla mantenerla in vita , per la nostra provincia nulla è stato fatto. Siamo convinti quindi, che con una forte e incisiva battaglia in Parlamento si sarebbe potuto evitare la cancellazione della nostra Provincia, mentre oggi, ben che vada, diverrà un ente di secondo grado.
Bene ha fatto il presidente Ferrarese, ha continuato il segretario Argese, a coinvolgere i Consiglieri Regionali del territorio e tutti si Sindaci della Provincia. Infatti solo dall’incontro tra questi soggetti potrà nascere la proposta di accorpamento da presentare alla Regione e alcune fughe in avanti prima dell’incontro servono solo a difendere o a nascondere l’ inadempienza di alcuni parlamentari.
In questi ultimi giorni, ha detto ancora Argese, abbiamo assistito a proposte di accorpamento prima fatte e poi ritirate e si continua tuttora ad assistere a prese di posizioni utili solamente, questo sì, a creare inutili polemiche.
Sia in Provincia che nella città capoluogo rappresentiamo, non dispiaccia a nessuno, la più grande forza politica. Ciò nonostante riteniamo che debbano essere, a prescindere dal colore politico, i rappresentanti istituzionali a fare una proposta per la difesa del nostro territorio.
L’auspicio ha concluso Argese a Chianciano, è quello che nei prossimi giorni si dia vita alla nuova legge elettorale che preveda il voto di preferenza affinchè i futuri parlamentari, finalmente eletti dai cittadini, possano, a differenza degli ultimi anni, difendere il nostro territorio.
Quello che accaduto alle Province è frutto di una legge elettorale paradossale che ha costretto i nominati a difendere la propria posizione a scapito dei cittadini.
Non deve più accadere ha concluso Argese, che chi non è riuscito a farsi eleggere in un consiglio comunale o provinciale possa addirittura rappresentare il territorio in parlamento.

Direzione provinciale

Segreteria Provinciale

.Notizie

Seguici anche su
Segui telebrindisiweb su TwitterSegui telebrindisiweb su Facebook

.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brindisi R.S. n°2/2012 del 17/02/2012 – Direttore Responsabile Maurizio Matulli – contatti: redazione@telebrindisi.tv – tel. +39 3290615650 – Editore Multimedia Communication sas